Il pacchetto misterioso… per un ripasso matematico!

Il pacchetto misterioso… per un ripasso matematico!

Quello che vi propongo quest’anno è un gioco in stile natalizio da utilizzare però a gennaio, per accogliere le ragazze e i ragazzi a scuola al rientro dalle vacanze cominciando il nuovo anno con un sorriso ma anche con un bel ripasso di Matematica!

Il gioco necessita di un po’ di tempo per la raccolta dei materiali, ma al tempo stesso vi permette di riciclare vari oggetti che circolano in casa nel periodo natalizio. L’idea è quella di nascondere una frase misteriosa all’interno di un pacchetto regalo pieno di problemi di matematica. Per farlo, cominciate a scegliere la parola o la frase che volete nascondere, per esempio “Ben tornati”. Per ogni lettera della frase scegliete un oggetto, possibilmente a tema natalizio: per esempio un piccolo BABBO Natale (oppure una BEFANA) per la lettera B, un ELFO per la lettera E, un pezzo di NASTRO per la lettera N, un TAPPO di una bottiglia aperta durante le feste per la lettera T e così via. Scegliete poi dal libro tanti problemi o esercizi quante sono le lettere della vostra frase (nel nostro caso ne servono $10$), copiateli su dei foglietti e disponeteli in modo che i relativi risultati appaiano in ordine crescente. A questo punto disponete sul tavolo anche gli oggetti in modo tale che le loro iniziali formino la frase scelta e attaccate a ogni oggetto un esercizio o un problema in modo tale che, quando i risultati sono messi in ordine crescente, le iniziali degli oggetti formino la frase scelta. Mettete tutti gli oggetti con i bigliettini attaccati in una scatola e impacchettate in stile regalo, utilizzando naturalmente carte e nastri di riciclo. Per far giocare le vostre studentesse e i vostri studenti vi serve un pacchetto misterioso per ogni squadra (cioè ogni $5$ o $6$ studenti), quindi dovrete preparare $4$ o $5$ pacchetti misteriosi per far giocare tutta la vostra classe. Gli oggetti nei diversi pacchetti non devono necessariamente essere identici, per esempio in una scatola potete mettere un tappo dello spumante e in un’altra un semplice tappo di plastica della bottiglia dell’acqua, oppure in una scatola un Babbo Natale e nell’altra una Befana e così via. Lo stesso vale per gli esercizi attaccati agli oggetti.

Per rendere il gioco più divertente è bene scegliere alcuni degli oggetti in modo tale che sia possibile interpretarli in modo diverso. Per esempio per la B di BABBO Natale potete prendere una candela a forma di Babbo Natale: in questo modo le giocatrici e i giocatori dovranno decidere se la lettera da inserire è una C di candela o una B di Babbo Natale. Inoltre, se ne avete voglia (e se gli esercizi scelti lo consentono), potete rielaborare i testi per dare loro un’ambientazione in stile natalizio come ho fatto io nella scheda che trovate in Zona Matematica.

Una volta tornati a scuola, dividete la classe in squadre ($5$ o $6$ membri per squadra) e consegnate a ogni squadra un pacchetto misterioso. 

Spiegate quindi alle vostre studentesse e ai vostri studenti che, quando apriranno il pacchetto, troveranno vari oggetti a ognuno dei quali è stato attaccato un esercizio o un problema che ha come risposta un numero. Quando le giocatrici e i giocatori staccheranno il foglietto contenente l’esercizio o il problema da uno degli oggetti, dovranno ricordarsi a che oggetto era attaccato. Infatti, una volta trovati tutti i risultati, le giocatrici e i giocatori dovranno disporre sul tavolo gli oggetti in modo tale che i risultati dei problemi a essi associati compaiano in ordine crescente. A questo punto le iniziali degli oggetti così disposti formeranno una parola, che dovrà essere scritta su un foglietto e consegnata all’insegnante insieme ai risultati di tutti gli esercizi e problemi proposti.

Vince la prima squadra che indovina la parola misteriosa, ma solo a patto che anche i risultati di tutti gli esercizi e i problemi proposti siano corretti.

Se utilizzate i problemi da me creati ricordatevi di dire alle studentesse e agli studenti che quando il problema chiede di calcolare una percentuale, se la risposta fosse il $17\%$, il numero da associare al problema è $17$ (e non $0,17$). Inoltre le giocatrici e i giocatori dovranno fare attenzione a rispettare le unità di misura richieste per la risposta (metri o chilometri, minuti o ore e così via).

Potete naturalmente anche inserire domande prese da altre materie: per esempio la soluzione di uno dei problemi può corrispondere all’ultima cifra della data di nascita di Napoleone, oppure al numero delle zampe di un ragno. 

Potete inoltre chiedere alle studentesse e agli studenti di preparare un gioco analogo per la festa di fine anno o per l’open day della scuola… in questo caso sarà facile e divertente coinvolgere sia le compagne e i compagni più piccoli che i loro genitori!

In Zona Matematica, nell’area dedicata al gioco, potete trovare una scheda con un’attività completa da proporre al rientro dalle vacanze di Natale:
Vai all’area “Gioco” del I grado
Vai all’area “Gioco” del II grado – I biennio

Leggi anche

Pitagora, Gauss e Peano
Matematica con fantasia
Un laboratorio di geometria solida con cilindri, tubi e patatine
Back to school e matematica... ripensando alle vacanze
Il tiro a segno del ripasso matematico
La maglietta dei compiti di Matematica