Fotoripasso

Fotoripasso

L’emergenza Covid-19 continua, e insieme a lei le nostre lezioni a distanza. Più passano i giorni e più prendiamo confidenza con gli strumenti digitali, con le videolezioni, con le chat e con le potenzialità più recondite del nostro registro elettronico… ci stiamo persino un po’ abituando, anche se, nel fondo del nostro cuore, tutti desideriamo ardentemente poter tornare a scuola e avere di nuovo i nostri studenti seduti nei banchi di fronte a noi!

D’altra parte, mentre noi piano piano prendiamo confidenza con questa didattica a distanza, gli studenti si aggirano nelle loro case come animali in gabbia, dibattendosi tra la fatica delle lezioni del mattino e la noia dei compiti del pomeriggio.

Ed è proprio pensando ai nostri studenti, alla loro noia, alla fatica di fare matematica senza neppure il conforto del compagno di banco con cui condividere frustrazioni e successi, perennemente attaccati a WhatsApp per passare o copiare gli ennesimi $10$ esercizi assegnati, che vi propongo questa semplice attività ludico-didattica, attraverso la quale potete veicolare un efficace ripasso su diverse tematiche, lavorando al tempo stesso sul linguaggio.

L’idea è la seguente: invece di chiedere ai vostri studenti di tradurre in formule “il doppio della somma di $a$ con $b$” e di verificare che lo studente abbia scritto $2\left( {a+b} \right)$, chiedete loro di imparare a interpretare precise richieste, fotografando poi le situazioni corrispondenti. 

Per esempio, a fronte della richiesta “il quadrato della differenza tra i fusilli (o altro formato di pasta corta) e gli spaghetti è dispari”, lo studente potrà inviare una foto in cui compaiono $4$ fusilli e $1$ spaghetto, oppure $6$ fusilli e $5$ spaghetti, e così via.

Per ripassare l’ordinamento dei numeri relativi potreste chiedere ai vostri studenti di fotografare una situazione in cui “la differenza tra il numero di rotoli di carta igienica e il numero di scarpe è minore dell’opposto del numero di libri”. In questo caso una configurazione possibile potrebbe essere $1$ rotolo di carta igienica, $4$ scarpe e $2$ libri, ma ovviamente anche $2$ rotoli di carta igienica, $5$ scarpe e $1$ libro è una soluzione corretta!

Nello stesso modo potete camuffare un esercizio sul minimo comune multiplo chiedendo di fotografare una situazione in cui “il doppio della somma dei pennarelli e delle tazze è uguale al triplo dei quaderni”. Per rendere la cosa più interessante in questo caso potreste chiedete ai vostri studenti di inviare varie configurazioni possibili: una in cui il numero di quaderni sia minimo, una in cui il numero delle tazze sia $3$ e così via!

Leggi anche

Peer education: facciamola in vacanza!
Non fare quella faccia: si va in vacanza con l’origami!
Esercizi a incastro
Piegare e… distribuire la moltiplicazione
La matematica che ci circonda e non vediamo
Problem Craft: un percorso didattico trasversale