Compiti delle vacanze di Matematica: perché non farli preparare ai vostri studenti?

Compiti delle vacanze di Matematica: perché non farli preparare ai vostri studenti?

Anche quest’anno scolastico sta per concludersi e, come sempre accade, in questo periodo diventa praticamente impossibile spiegare nuovi argomenti. Perché non provare allora a utilizzare le ultime ore di lezione per proporre un bel ripasso e al tempo stesso far preparare agli ignari studenti i loro compiti delle vacanze?

Ecco come fare: per cominciare procuratevi un quaderno a righe formato A3, apritelo e appoggiate su una pagina un cucchiaino e il tappo di una bottiglietta di plastica. Fotografate la vostra composizione inquadrando l’intera pagina e facendo in modo che le righe siano parallele tra loro e ben visibili. Stampate la foto e consegnatela ai vostri studenti insieme alle seguenti domande:

  1. Se la distanza tra due righe fosse di 1 cm, quale sarebbe la lunghezza del cucchiaino? E quale sarebbe il numero massimo di tappi che si potrebbero disporre lungo una diagonale del foglio?
  2. Se la base minore del foglio fosse lunga 2 metri, quale sarebbe il diametro del tappo?
  3. Se il raggio del tappo fosse lungo 4 metri, il cucchiaino sarebbe più alto o più basso di un palazzo di quattro piani? Di quanto?
  4. Se il cucchiaino, essendo di proprietà di un gigante, fosse lungo 1,5 metri, quale sarebbe la distanza tra due righe del foglio? E quali sarebbero le dimensioni (base e altezza) del foglio a righe su cui il gigante ha appoggiato il suo cucchiaino?
  5. Se si volesse utilizzare il quaderno del gigante (quello da cui ha staccato il foglio del punto 4) per ricoprire un campo da basket, quanti fogli servirebbero? Mostra con un disegno (in scala) la disposizione scelta per i fogli e precisa il numero di pagine utilizzate e il numero di metri quadrati di carta avanzati (un campo da basket misura 28 x 15 metri).

Gli studenti dovranno rispondere alle domande lavorando in piccoli gruppi e ogni gruppo avrà a disposizione una calcolatrice per fare i conti (si suggerisce di approssimare a una cifra decimale).

Al termine della lezione correggete e discutete le diverse soluzioni proposte e, come compito a casa, chiedete a ogni studente di inviarvi una foto di un foglio a righe con appoggiati sopra due oggetti a sua scelta.

Durante la lezione successiva dividete la classe in piccoli gruppi e assegnate a ogni gruppo un numero di immagini pari al numero di studenti, facendo in modo che nessuno riceva la propria immagine. Chiedete a ogni gruppo di inventare, prendendo spunto da quanto fatto nella lezione precedente, 5 domande per ogni immagine. Infine raccogliete in un file le foto e le domande più divertenti o meglio congegnate… ed ecco pronti i compiti delle vacanze!

Leggi anche

Peer education: facciamola in vacanza!
Non fare quella faccia: si va in vacanza con l’origami!
Esercizi a incastro
Babbo Natale e la matematica
Scomponendo e componendo una girandola
Videogiochi e matematica: un'attività per introdurre il piano cartesiano