Un carico di regali decimali

Un carico di regali decimali

Ragazze e ragazzi fanno un po’ fatica a maneggiare i numeri decimali; quindi ho pensato a qualche attività per migliorarne la familiarità.

Prepariamo alcune piccole tabelle e inseriamo un numero decimale nella prima casella. Studentesse e studenti dovranno completare le altre aggiungendo un centesimo verso destra e un decimo verso il basso. 

Le prime difficoltà sorgeranno quando si raggiungerà in qualche posizione la cifra $9$; per esempio, dopo il numero $0,9$, molti metteranno $0,10$. 

Superati i primi ostacoli, possiamo alzare il tiro inserendo il primo numero in caselle al centro della tabella, così sarà necessario anche l’uso della sottrazione per completare la griglia.

Da qui in poi le regole diventeranno sempre più complesse, le variazioni possibili sono tantissime. Ecco alcuni esempi:

  • proseguire la numerazione di due in due; 
  • usare la moltiplicazione per due verso destra e per dieci verso il basso; 
  • inserire nella griglia degli ostacoli da aggirare; 
  • dare alla tabella una forma irregolare;
  • inserire alcuni bordi di spessore diverso che introducono delle eccezioni nella numerazione.

Nella scheda trovate alcune griglie travestite da regali di Natale, la decorazione dei pacchetti dovrà tenere conto della presenza di nastri dispettosi e ostacoli da aggirare; così i nostri folletti saranno davvero messi alla prova.

Per rendere l’attività più movimentata, divertente e inclusiva, possiamo spostarci in palestra. Con del nastro adesivo (o sfruttando i cerchi del collega di Scienze motorie) disponiamo sul pavimento una piccola griglia dentro la quale un alunno-renna dovrà spostarsi per aiutare Babbo Natale a consegnare i regali alle compagne e ai compagni seduti attorno.

L’alunno-renna terrà in mano un taccuino spiralato che avremo predisposto in anticipo tagliando i fogli in tre parti e numerando in successione i cartellini così ottenuti.

All’alunno-renna verrà consegnato un numero decimale alla partenza, poi dovrà modificarlo a ogni passo semplicemente girando i foglietti.

Anche il gioco può essere adattato al livello della classe: nella modalità più semplice l’alunno-renna dovrà raggiungere il destinatario del regalo scegliendo il percorso in autonomia; per complicare la situazione e coinvolgere tutte e tutti attivamente, possiamo mostrare alle compagne e ai compagni un percorso disegnato su una lavagnetta, saranno poi loro a guidare l’alunno-renna a spasso per la griglia fino alla sua destinazione.

Chissà se all’intervallo, come nella notte più magica dell’anno, compariranno latte e biscotti per dare una mano agli instancabili aiutanti di Babbo Natale?

Leggi anche

Pitagora, Gauss e Peano
Matematica con fantasia
Un laboratorio di geometria solida con cilindri, tubi e patatine
Disegnare le radici: la spirale di Teodoro
Scuola guida per renne: un’attività natalizia con gli origami
L’area del cerchio in un assaggio