Sciare ai tempi del cambiamento climatico: un'attività matematica per l'inverno

Sciare ai tempi del cambiamento climatico: un'attività matematica per l'inverno

Nelle vacanze natalizie appena terminate potrebbe essere capitato di voler passare una bella giornata sulla neve. Se così è stato, vi sarete accorti di quanto sia aumentato il prezzo del biglietto per utilizzare gli impianti di risalita. Avendo la fortuna di abitare e insegnare in paesi ai piedi delle Alpi, con i miei alunni lo sci è spesso un tema di discussione. Così, grazie ai dati pubblicati su Instagram dalla community WILL_Ita (molto seguita dai giovani), abbiamo provato a ripassare il calcolo percentuale applicandolo al costo degli skipass per praticare lo sci alpino. 

Utilizzando la seconda immagine del post, con dati ricavati da un’indagine di Altroconsumo svolta negli ultimi mesi del $2022$ e prendendo come prezzo di riferimento un ipotetico skipass giornaliero di una stazione sciistica medio-grande della stagione $2021$/$22$ al prezzo di $35$ euro, abbiamo provato a calcolare i nuovi prezzi.

Per fare ciò abbiamo dovuto ripassare la definizione di variazione percentuale, data come rapporto tra valore finale e valore iniziale, e ricordare che l’aumento percentuale, che individuiamo nel grafico, deve essere sommato al $100\% $. Questo dato deve poi essere trasformato in numero decimale (dividendolo per $100$) e infine moltiplicato per il valore iniziale del biglietto.

Abbiamo poi completato così la seguente tabella (approssimando i valori ai centesimi essendo prezzi in euro):

Zona d’Italia$100\%$ + aumentoNumero decimaleNuovo prezzo (in euro)
Valle d’Aosta$104,5\%$$1,045$ $35\cdot 1,045=36,58$
Friuli Venezia Giulia$106,3\%$$1,063$ $35\cdot 1,063=37,21$
Piemonte$108,1\%$$1,081$ $35\cdot 1,081=37,84$
Trentino – Alto Adige$108,2\%$$1,082$ $35\cdot 1,082=37,87$
Appennini$109,4\%$$1,094$ $35\cdot 1,094=38,29$
Veneto$110,7\%$$1,107$ $35\cdot 1,107=38,75$
Lombardia$113,5\%$$1,135$ $35\cdot 1,135=39,73$

Osservando la terza immagine del post abbiamo provato a capire a cosa fossero dovuti questi aumenti e così, ancora una volta, ci siamo scontrati con i problemi legati al cambiamento climatico, alla mancanza di precipitazioni e, di conseguenza, di acqua (di cui avevamo già subito le conseguenze in estate) per la creazione della neve artificiale. Inoltre nel post si evidenziava l’aumento del prezzo dell’energia elettrica e il fenomeno dell’inflazione che ha portato all’aumento dei prezzi di beni e servizi.

La quarta immagine del post ci ha portato a riflettere sulle temperature dell’ultimo periodo: l’ondata di caldo europea dei giorni a cavallo del capodanno $2023$ è estremamente anomala e sta producendo temperature senza precedenti per gennaio, facendo registrare dai $10$ a $20$ gradi in più rispetto alla media stagionale. 

Anche i dati italiani per l’anno $2022$ sono stati record (Dati CNR Bologna).
Abbiamo pertanto cercato di interpretare la mappa prodotta dall’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima del CNR di Bologna riguardo la temperatura media rilevata durante il $2022$ nelle varie regioni italiane, osservando in particolare i quadrati neri presenti sul Nord-Ovest.
Ecco che, ritornando all’immagine iniziale del post che abbiamo deciso di analizzare, abbiamo potuto constatare quanto il cambiamento climatico stia modificando anche il nostro modo di fare sport. 

Contributo sotto licenza CC

Leggi anche

Il radon: un nemico invisibile per la nostra salute
Scegliere bene con la Matematica
Il villaggio di Babbo Natale: un'attività con gli origami
Christmas sets: giochiamo in classe con gli "insiemi di Natale"
Facciamo i conti a colazione
Matematica di Halloween: il censimento dei fantasmi