Il lavoro collaborativo per lo sviluppo del linguaggio e del pensiero matematico

Il lavoro collaborativo per lo sviluppo del linguaggio e del pensiero matematico

L’inizio dell’anno scolastico è sempre un momento importante, sia per voi insegnanti che per le studentesse e gli studenti: carico di buoni propositi, del bisogno di “ripartire bene”. Quest’anno poi, come il precedente, ai buoni propositi si aggiunge la preoccupazione di riuscire a superare le difficoltà causate dalla pandemia che hanno colpito la scuola in modo significativo. Come insegnanti tendiamo in particolare a dare molto rilievo alle carenze e lacune che le studentesse e gli studenti possono aver accumulato nel periodo di didattica a distanza. D’altra parte le Prove INVALSI 2021 evidenziano un calo significativo nei risultati.

Ma la didattica a distanza e i distanziamenti in classe hanno prodotto altri effetti negativi: i rapporti sociali hanno risentito fortemente delle restrizioni anti-Covid. Nessuno è in grado di prevedere i danni che questo periodo ha provocato nelle ragazze e nei ragazzi, in età in cui il rapporto con i coetanei è un elemento fondamentale per la crescita dell’individuo.

Credo quindi che questi due aspetti, la dimensione delle conoscenze e competenze e quella delle relazioni, vadano curati entrambi con particolare attenzione.

Del resto non si tratta affatto di una forzatura, anzi! In matematica infatti sono importanti i processi di pensiero, più che i prodotti, cioè le risposte. Una risposta “giusta” data a caso non ha alcun valore, e viceversa anche in un processo incompleto possiamo riconoscere ragionamenti sensati.

Questa importanza dei processi rispetto ai prodotti ha una serie di conseguenze.

Innanzitutto la consegna, cioè il tipo di domanda e il modo di porla, ha un ruolo cruciale. Se vogliamo sollecitare processi di pensiero dobbiamo porre domande adeguatamente complesse, che costringano la studentessa o lo studente a cercare di mettere in relazione le sue conoscenze, invece che spingerla o spingerlo a tentare una risposta immediata. Naturalmente se le domande sono complesse dobbiamo dare il tempo necessario per riflettere prima di rispondere.

Inoltre è attraverso la comunicazione e l’argomentazione che l’insegnante può conoscere i processi di pensiero di studentesse e studenti: il confronto fra pari rende naturale l’esigenza di comunicare e argomentare la propria posizione, favorendo quindi anche l’uso del linguaggio (quotidiano e matematico) per parlare di matematica e lo sviluppo di competenze di argomentazione in ambito matematico. 

In definitiva in un insegnamento della matematica centrato sui processi è importante proporre attività adeguatamente complesse, da affrontare in classe, magari prevedendo prima una fase di riflessione individuale, e poi una fase di confronto e discussione all’interno di un gruppo

Le studentesse e gli studenti si devono sentire completamente libere e liberi di pensare, di esplorare, e quindi di sbagliare, senza rincorrere ansiosamente la risposta giusta: è chiaro allora che un’attività come quella descritta non deve essere soggetta a valutazione sommativa.

Esempi di attività di questo tipo sono proposti nella nuova area di Zona MatematicaRipartiamo bene”, preceduti dalla proposta di una riflessione sul rapporto con la matematica finalizzata a far emergere la visione della matematica che ciascuna studentessa e ciascuno studente hanno costruito (centrata sui processi/sui prodotti).

Credo si possa iniziare da qui per “ripartire bene”.

Scopri in Zona Matematica l’area dedicata:

Vai all’area “Ripartiamo bene” del I grado
Vai all’area “Ripartiamo bene” del II grado – I biennio
Vai all’area “Ripartiamo bene” del II grado – II biennio e V anno

Questi temi verranno approfonditi nel webinar di Rosetta Zan:
Ripartiamo bene: insegnare matematica facendo domande

Leggi anche

Distanze al volo: un gioco per ripassare il teorema di Pitagora
Matematica senza compromessi: un approccio STEAM per colorare il mondo intorno a noi
“Doremat - La musica della matematica”: il suono dell’aritmetica
Ripensiamo al significato di media aritmetica!
Risolvere un problema: alla ricerca di strategie risolutive differenti
Il valore strategico di questo nuovo anno scolastico