Dare senso all’educazione matematica: riflessioni, strategie didattiche e spunti per attività

Dare senso all’educazione matematica: riflessioni, strategie didattiche e spunti per attività

All’ingresso della scuola primaria la matematica è in genere una delle materie più amate dai bambini.

All’uscita dalla scuola superiore è la materia più odiata in assoluto, e spesso tale sentimento rimane anche quando lo studente diventa adulto.
Questo atteggiamento negativo è in genere accompagnato da un lato da un senso di inadeguatezza da parte dello studente – o ex studente – che si sente incapace di controllare il proprio successo; dall’altro da una visione della matematica come disciplina lontana dalla realtà, fatta di regole da memorizzare e poi applicare a esercizi ripetitivi, dove il successo viene identificato con il dare velocemente la risposta corretta, l’errore ha una connotazione negativa e il tempo a disposizione è vissuto come un tempo contratto, nemico: una disciplina caratterizzata da un linguaggio criptico e artificioso, difficile e al tempo stesso noiosa, di cui non si riesce a cogliere il senso.

Nella costruzione di questa visione della matematica e di sé come allievo si riconosce la responsabilità di un insegnamento poco incoraggiante, attento ai prodotti più che ai processi, che privilegia esercizi a problemi, spesso condizionato da un’idea riduttiva di valutazione.
Perché l’allievo possa percepire il senso dell’insegnamento della matematica è importante quindi una riflessione su alcune pratiche didattiche diffuse e sulle loro conseguenze, ma anche su alcune convinzioni che stanno alla base di tali pratiche:

  • l’idea di successo identificata con risposte corrette date in tempi veloci;
  • l’idea che ‘aiutare’ gli studenti significhi rendere loro le cose più facili;
  • una visione dell’apprendimento in cui c’è poco spazio per l’errore e il tempo, centrata più sull’acquisizione di conoscenze e abilità che sulla costruzione di competenze.

A partire da questa riflessione è possibile individuare alcune strategie didattiche che restituiscono senso all’insegnamento della matematica: problem solving, didattica laboratoriale, ma soprattutto una diversa gestione del tempo e degli errori.

> Vi aspetto agli eventi formativi Motivare, Coinvolgere, Divertire con la Matematica edizione 2018, che si terranno a Napoli (15 febbraio), Padova (23 febbraio) e Roma (23 marzo).

> Info e iscrizioni: http://bit.ly/MCD2018

Leggi anche

Qual è la città più vicina? Pianificare i servizi regionali con il diagramma di Voronoi
Facciamo i conti a colazione
Mettiti in gioco con la Matematica
Videogiochi e matematica: un'attività per introdurre il piano cartesiano
L'inizio della scuola tra le pagine del libro di matematica
La seconda prova scritta di Matematica e Fisica con l’uso della calcolatrice grafica CASIO FX-CG50