Accoglienza matematica colorata per il primo giorno di scuola

Accoglienza matematica colorata per il primo giorno di scuola

Il primo giorno di scuola in un ambiente nuovo può essere disorientante, ecco allora un’attività di accoglienza per le classi prime, pensata per cominciare a conoscere un po’ le nuove compagne e i nuovi compagni.

L’idea è quella di personalizzare tramite un codice colore le targhette con il proprio nome, rappresentando così a colpo d’occhio l’unicità di ciascuno e la ricchezza dell’intera classe.

Il tema che vi propongo è “Bergamo e Brescia capitale italiana della cultura 2023”, quindi sulle targhette è abbozzato uno skyline che idealmente unisce gli iconici monumenti di queste due città. Per prima cosa chiediamo a ciascuno di scrivere il proprio nome al centro della targhetta, poi facciamo colorare ciascun edificio tramite il codice colore riportato nel foglio con le domande; alcune domande ammettono l’espressione di più preferenze; quindi, gli edifici a esse associati possono essere variopinti dando libero sfogo alla creatività.

In un primo momento l’obiettivo è cominciare a conoscersi a vicenda; quindi, è opportuno cogliere le domande come stimolo iniziale per un confronto più ampio, durante il quale avremo cura di dare spazio a tutti valorizzando le risposte di ciascuno; se ce la sentiamo, possiamo condividere con la classe anche qualcosa di noi, sarà sicuramente apprezzato.

Una volta realizzate le targhette, arriva il momento di una semplice proposta matematica: con i dati a disposizione facciamo costruire degli istogrammi.

Per rendere più coinvolgente l’attività lasciamo a disposizione dei quadrati di carta colorata; chiediamo a turno di pescare quelli necessari e di posizionarli sul pavimento formando delle colonne, poi chiediamo di riportare sul quaderno i grafici così ottenuti, magari con qualche riflessione matematica sui dati raccolti o con l’aggiunta di qualche semplice concetto statistico. Si tratta di un primo approccio alla matematica che non spaventerà nessuno e consentirà a tutti di partecipare attivamente.

L’attività si presta per coinvolgere anche i colleghi delle altre discipline, che potrebbero approfittarne per qualche curiosità storica o artistica sui monumenti rappresentati, per valorizzare i luoghi del cuore scelti dalla classe sul proprio territorio, per ripassare alcuni vocaboli in inglese o introdurli nella seconda lingua straniera; oppure ancora, per creare gli istogrammi in palestra sotto forma di staffetta. 

Naturalmente, l’attività può facilmente essere personalizzata modificando le domande o tematizzandola in un modo diverso sostituendo i disegni della targhetta.

Buon ritorno a scuola e buon divertimento!

Leggi anche

Pitagora, Gauss e Peano
Matematica con fantasia
Un laboratorio di geometria solida con cilindri, tubi e patatine
Compagni di… sangue: un’attività STEM per l’Educazione civica
Back to school e matematica... ripensando alle vacanze
Il tiro a segno del ripasso matematico